Ti trovi in: Home Strumenti I protagonisti S Giovanni Semeria
Giovanni Semeria PDF Stampa E-mail
Ligure, era nato a Coldiroli nel 1867. Barnabita, fu uno dei principali protagonisti del movimento modernista italiano. Aveva conosciuto Umberto Zanotti Bianco giovanetto al Collegio di Moncalieri, di cui fu per breve tempo rettore, avviandolo alla prima lettura delle pagine di Antonio Fogazzaro, e, nel 1909, viaggiando verso Pizzo di Calabria, lo aveva rincontrato insieme a Giovanni Malvezzi, entrambi impegnati nella loro inchiesta sull’Aspromonte: “Venivano a fare la centesima esplorazione o inchiesta privata sulle condizioni dell’Italia meridionale. Li dissuasi vigorosamente: non era più tempo di diagnosi, era tempo di por mano a qualche rimedio. Perché non si sarebbero accinti, giovani com’erano, a qualcuna di quelle opere integratrici della scuola popolare che dovevano poi chiamarsi opere parascolastiche? Credo che le mie parole abbiano avuto una certa efficacia sui primi esordi di quella Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno, che prese poi un grande incremento ….” (Umberto Zanotti Bianco in L’Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia nei suoi primi cinquant’anni di vita, Roma 1960, p. 7). A seguito dei provvedimenti adottati dalla Chiesa che, con l’enciclica Pascendi di Pio X del 1907, aveva condannato il modernismo, nel 1911 si trasferì in Svizzera. Tornò in Patria allo scoppio della prima guerra mondiale per prestare la sua opera di cappellano del Comando supremo. Nel dopoguerra istituì l’Opera Nazionale per il Mezzogiorno d’Italia, a sostegno degli orfani di guerra di famiglie povere meridionali. Morì nel 1931 durante un viaggio in Calabria.