Ti trovi in: Home L'A.N.I.M.I. e il terremoto Aspromonte Occidentale
Aspromonte Occidentale PDF Stampa E-mail
“L’inchiesta su 38 comuni dell’Aspromonte occidentale con oltre 130.000 abitanti fu accuratamente preparata da Zanotti Bianco e dal suo amico Giovanni Malvezzi nel corso della primavera ed eseguita nell’Estate [1910], Download pdfvisitando ciascuno di quei comuni, parlando con ogni categoria di persone, mettendo in evidenza i problemi sui quali sarebbe stato più necessario intervenire. Seguendo un modello e una ripartizione di compiti simili a quelli adottati, trent’anni prima, da Sonnino e Franchetti in Sicilia, la relazione che sei mesi dopo i due giovanissimi autori pubblicarono, riguardava - salvo l’emigrazione (che era, come essi scrivevano “problema che non poteva trattarsi utilmente in rapporto a una regione tanto limitata”) - tutti gli aspetti della zona considerata. Così Malvezzi riferì in essa delle condizioni economiche, del credito, della viabilità e dei bilanci comunali, e Zanotti Bianco riservò per sé la trattazione delle condizioni in cui si trovavano la scuola e l’analfabetismo, la sanità e l’igiene, nonché la religiosità ed il clero, ossia dei problemi sui quali l’azione del gruppo avrebbe potuto svilupparsi”.

Manlio Rossi Doria, Il meridionalista, in Umberto Zanotti Bianco (1889-1963), Atti del convegno, Roma 26-27 Gennaio, Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia, Roma, 1980, pp. 11-12.